Il valore è una fetta di torta

Nella pianificazione di una release ci si trova spesso a valutare a che punto sarà disponibile il prodotto per l’utente finale. Ma se adottate l’idea del Minimum Viable Product potreste decidere di rilasciare una “early beta” del prodotto per testare le vostre assunzioni in termini di ipotesi di valore e ricevere feedback dagli utenti quando lo sviluppo è ancora in corso.

La strategia dell’MVP presenta indubbiamente molti vantaggi: rilasciamo un prodotto (o una funzionalità) ad uno stato essenziale, totalmente “no frills”, perché desideriamo capire ciò che i clienti vogliono veramente, non ciò che dicono di volere o ciò che pensiamo vorrebbero.

Per anticipare il più possibile questo tipo di apprendimento potreste decidere di dare in mano ad una cerchia ristretta di utenti poco più che una presentazione o un wireframe.
Se non è questo il vostro caso, come spesso non lo è per me, rilascerete software funzionante ma dovrete identificare il set minimo di funzionalità in grado di comunicare il valore del vostro prodotto.

Non è un’operazione così banale come può sembrare a prima vista…
Dovrete far comprendere a chi sviluppa qual è il valore del prodotto dal punto di vista dell’utente finale, un valore che sta nella soluzione di un problema, nella “slice” – la più piccola fetta compiuta – e non in un layer.
Per rilasciare un MVP dovete concentrarvi sul COSA, su un piccolo pezzo, una singola funzionalità purché finita e funzionante. Fatela funzionare, fatela testare sul campo anche solo da un’unica tipologia dei vostri utenti e – intanto che analizzate i primi feedback – valuterete quali parti mancanti vale la pena di integrare e come.

Tenete presente che ciò che interessa all’utente è il servizio nel suo complesso, ma dovendo “fare a fette un elefante” nella mia esperienza ho trovato più utile un approccio verticale piuttosto che orizzontale.
In un servizio e-commerce, ad esempio, l’utente valuterà le diverse funzionalità: la navigazione nel catalogo dei prodotti, la ricerca, il carrello per l’acquisto, l’archivio degli ordini. Quale beneficio trarrebbe se il layer dei dati e quello applicativo fossero perfettamente compiuti ma non fosse possibile neanche consultare il catalogo dei prodotti?

E’ esattamente la differenza che passa tra una fetta di Sacher – per quanto piccola – ed uno strato di torta al cioccolato. Qual è più appetitosa in un uggioso pomeriggio di pioggia invernale? Cosa preferireste mangiare per merenda?
Io non ho dubbi!

P.S.: e non ditemi che non avete mai assaggiato la Sacher Torte perché se no avete ben altri problemi che individuare il vostro Minimum Viable Product …

Continuiamo così, facciamoci del male!  (… grazie Moretti!)