L’80/20 applicato al Backlog

Cosa succederebbe se provassimo ad applicare il principio di Pareto (la famosa regola dell’80/20) al nostro backlog? E’ questa la riflessione a cui ci invita Stefan Haas – Agile coach con molti anni di esperienza sul campo – in uno degli ultimi articoli del suo blog.

Siamo in grado di individuare quel 20% di funzionalità che producono l’80% della soddisfazione dei nostri utenti finali? Abbiamo idea di quali siano l’80% dei requisiti che producono scarso o nullo valore per i nostri clienti?
Al di là della provocazione, sappiamo per esperienza che non tutto ciò che è contenuto nel backlog è realmente di valore per l’utente e – nonostante ciò – è nostro compito trovare spazio anche per diversi tipi di attività – ad esempio – di aggiornamento dei sistemi, business intelligence o per adeguamenti di legge.

E’ in ogni caso interessante fermarsi a riflettere sull’opportunità di individuare ed avere sempre ben presente quel 20% di funzionalità che rappresentano il cuore dei nostri prodotti, quel 20% di un’epica (poi suddivisa in user stories) che ne rappresenta l’essenza, quel 20% di attività quotidiane del team che produrrà il maggior valore nel corso dell’iterazione.

Il principio può essere infatti applicato a tutti i livelli: al prodotto nel suo insieme, alle epiche, alle singole user stories o – segmentando ancora di più – ai task.
La sfida è individuare quel 20% critico del backlog in grado di produrre l’80% del valore finale e  mettere in priorità queste attività focalizzando l’impegno del team soprattutto su di esse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.